Vocabolario Finanziario
 

In questa sezione potete trovare il vocabolario finanziario con le spiegazioni per i termini utilizzati nel mondo finanziario e del credito. Se non desiderate effettuare la ricerca da soli o non trovate il termine desiderato, vi invitiamo a scriverci, utilizzando il modulo sottostante; riceverete una risposta gratuita e senza impegno alcuno da parte vostra.
L'INDIRIZZO E-MAIL E' NECESSARIO PER COMPLETARE L'INVIO DEL MODULO"; ?>

MODULO PER LA RICHIESTA GRATUITA DI
SPIEGAZIONI SUI VOCABOLI FINANZIARI

Termine di cui si richiede la spiegazione:

Indirizzo E-mail:

Nome e cognome (facoltativo):

 

A
Accollo : E’ il subentro al vecchio proprietario nel rapporto debitorio con l’Istituto di Credito per la quota residua di mutuo precedentemente acceso da un altro soggetto con relativa ipoteca. In genere avviene in sede di compravendita dell’immobile.

Ammortamento : E’ il piano di rimborso rateale del capitale ricevuto in prestito e degli interessi che il mutuatario si è impegnato a corrispondere all’Istituto di Credito. Dura tutto il periodo occorrente per l’estinzione graduale del mutuo.

C

Capitale : In termini generali, l’insieme delle risorse a disposizione di un soggetto, sia esso persona fisica, come per esempio il singolo investitore, o persona giuridica, come per esempio una società per azioni. Il Capitale può essere di proprietà, capitale proprio, oppure preso a prestito, capitale di terzi. Il capitale viene investito dalle imprese allo scopo di finanziare lo svolgimento della propria attività economica e dai risparmiatori in strumenti finanziari con il fine di ottenere un rendimento.

Catasto : E’ l’ufficio dove sono custodite le mappe catastali sulle quali si trovano le planimetrie dei fabbricati e le mappe dei terreni.

Compromesso : E’ la promessa di vendita con cui il venditore ed acquirente s’impegnano a concludere la compravendita che si realizzerà con il rogito notarile.

Contratto : E’ il prestito finanziario, regolato da un contratto sottoscritto davanti al notaio tra l’Istituto di Credito ed il mutuatario. Le tipologie sono due :

  • Unico : nel caso di finanziamento totale destinato all’acquisto della casa già costruita.

  • Doppio : nel caso d’erogazioni multiple.

In questo caso è prevista la stipula di un contratto preliminare che rappresenta la promessa al finanziamento, ed i contratti successivi, detti anche definiti o di quietanza, che viene stipulati all’atto dell’erogazione delle somme e contengono le condizioni del mutuo. Il preliminare, non contenendo le condizioni, si dice anche contratto aperto.

E

Estinzione o Rimborso : Il mutuo può essere estinto in via anticipata, parzialmente o totalmente, nel rispetto delle modalità previste nel contratto di mutuo. Il rimborso anticipato del prestito comporta il pagamento di una penale sulla somma del capitale residuo o di quello già rimborsato. La penale è fissata nel contratto e varia a seconda della tipologia del mutuo e del tipo di tasso.

F

Finanziamento : Prestito di una somma di denaro richiesto per effettuare un investimento o un acquisto . Esistono innumerevoli tipologie di finanziamento, a seconda dello scopo per il quale viene richiesto e delle garanzie che eventualmente vengono prestate a copertura dei rischi connessi all’investimento per il quale viene impiegato. Un finanziamento comporta sempre degli oneri rappresentati dagli interessi passivi pagati sul prestito e dalle commissioni pagate all’intermediario finanziario che lo concede.

Fisco : Gli interessi passivi pagati, gli oneri accessori e le quote di rivalutazione dipendenti da clausole d’indicizzazione per mutui ipotecari contratti per l’acquisto dell’abitazione principale sono detraibili ai fini dell’irpef nei modi e nelle misure stabiliti dalla legge. Per l’acquisto della prima casa, il fisco prevede anche aliquote ridotte al 4% sull’imposta di registro se si acquista da un privato, o sull’I.V.A., se si acquista da una società. Inoltre le imposte ipotecarie e catastali sono determinate in Lire 500.000 fisse.

Frazionamento : E’ il caso di un mutuo erogato da un Istituto di Credito in più quote. E’ un sistema d’erogazione che riguarda grandi stabili costruiti da più unità abitative, in costruzione, ricostruzione o ristrutturazione. Il frazionamento può essere :

  • Orizzontale : quando il mutuatario presenta un unico prospetto di suddivisione tra le varie unità abitative.

  • Verticale : quando il mutuatario richiede erogazioni in diverse tipologie, in differenti valute, con diversi tipi di tasso, variabile e fisso, con diverse periodicità di rimborso mensile, trimestrale e semestrale.

Questo tipo di frazionamento permette al costruttore di offrire agli acquirenti degli alloggi una più ampia scelta di accollo mutuo.

G

Garanzie Aggiuntive : A integrazione dell’ipoteca l’Istituto di Credito può chiedere una garanzia supplementare come una fideiussione, pegno su titoli, polizza assicurativa.

I

Imposta di Registro : E’ l’imposta a carico dell’acquirente sulla base del valore catastale dell’immobile se si acquista da privato.

INVIM : E’ l’imposta a carico del venditore sull’incremento del valore dell’immobile dalla data di acquisto. Ovvero è la differenza fra il prezzo pagato all’acquisto e quello di vendita.

Ipoteca : E’ la garanzia reale a favore dell’Istituto di Credito che grava sull’immobile fino a quando il debito non viene completamente estinto.

Ipoteca di Primo Grado : E’ la prima ipoteca iscritta su un bene immobile. Uno stesso bene, infatti, può essere assoggettato a più ipoteche, ciascuna definita da un grado, che definisce la priorità con la quale i diversi creditori ipotecari potranno soddisfarsi sul bene fornito a garanzia. In particolare, potrà soddisfarsi prima di tutti il titolare di un’ipoteca di primo grado, quindi con il residuo quello di un’ipoteca di secondo grado e cosi via.

Irs : E’ il costo dello swap, ovvero delle transazioni con cui un Istituto di Credito trasforma un’operazione a tasso fisso in variabile. Serve agli Istituti di Credito che emettono mutui a tasso fisso e che vogliono garantirsi dai rischi di tasso a lungo periodo, è pubblicato sui giornali economici.

L

Libor : E’ uguale all’Euribor, ma è rilevato sulla piazza di Londra. E’ il parametro d’indicizzazione più frequentemente utilizzato per i tassi variabili dei mutui in valuta estera, è pubblicato sui giornali economici.

M

Mutuo : E’ il finanziamento, a medio lungo termine che varia da un minimo di cinque anni per arrivare ad un massimo di 30 anni, erogato dagli Istituti di Credito per acquistare, costruire, ricostruire o ristrutturare la casa. La restituzione della somma prestata e degli interessi viene effettuata a rate mensili, trimestrali, o semestrali. Il mutuo può essere :

  • Fondiario : è il finanziamento erogato per l’acquisto di un immobile già costruito con garanzia ipotecaria sull’immobile stesso a favore dell’Istituto di Credito.

  • Edilizio : è il finanziamento erogato per una casa in costruzione con garanzia ipotecaria sull’area edificabile e sull’unità abitativa futura, recentemente questi due tipi di mutui sono stati unificati, entrambi si chiamano mutui fondiari o ipotecari.

  • Chirografario : è il finanziamento a breve termine, di solito per somme contenute, non superiori a 50 milioni di lire, erogato a fronte di garanzie diverse dall’ipoteca.

O

Oneri Accessori : Sono le spese da sostenere per accedere ad un mutuo ipotecario e sono :

  • Assicurativi : al fine di garantire il suo valore anche in caso d’eventi che possano decurtarlo o azzerarlo, esempio, distruzione per incendio, terremoto.

  • Istruttoria Pratica : da pagare all’Istituto di Credito, la cui entità varia da Istituto ad Istituto, può trattarsi di un compenso fisso o proporzionalmente all’importo del finanziamento erogato.

  • Notarili : da pagare direttamente al notaio.

  • Perizia : da liquidarsi direttamente al tecnico che effettua la valutazione dell’immobile, se si tratta di un professionista esterno all’Istituto di Credito.

  • Imposta Sostitutiva : trattenuta dall’Istituto di Credito, nella misura dello 0.25% dell’importo erogato, ridotta allo 0.125% per le cooperative edilizie aventi i requisiti necessari.

P

Parametro d’Indicizzazione : Tasso di riferimento in funzione del quale si determina l’interesse di un finanziamento a tasso variabile. Di norma, tale interesse risulta pari al valore assunto del tasso di riferimento, esempio Libor, Euribor, in un determinato periodo incrementato di un differenziale positivo, espresso in punti percentuale, per esempio, il tasso d’interesse di un finanziamento potrebbe essere definito come il valore del Libor alla fine del semestre più 1.5 punti percentuale.

Penale d’Estinzione Anticipata : L’onere previsto a carico del debitore, qualora questi intenda rimborsare il finanziamento prima della scadenza prevista.

Perizia : E’ l’accertamento del reale valore di mercato dell’immobile, effettuata da un tecnico.

Plafond : Limite massimo di fido, di scoperto di cassa, di rischio, e così via.

Pre Ammortamento : E’ il periodo che intercorre fra la data d’erogazione del mutuo e la decorrenza della prima rata d’ammortamento. Durante questo periodo, il mutuatario corrisponderà all’Istituto di Credito solo la quota d’interessi.

Prime Rate ABI : E’ il tasso che gli Istituti di Credito concedono ai loro migliori clienti. E’ il tasso medio di tutto il sistema bancario rilevato quindicinalmente dall’Associazione Bancaria, è pubblicato sui giornali economici.

Provvista : E’ la quantità di denaro, che l’Istituto di Credito recupera dai risparmiatori o da altri Istituti di Credito per finanziare i mutui.

R

Rata : E’ il pagamento periodico mensile, trimestrale, o semestrale, effettuato dal mutuatario per il rimborso della rata.

Rendiob : E’ la media del tasso di rendimento di un gruppo d’obbligazioni bancarie.

Rendistato : E’ la media mensile delle quotazioni dei Btp con vita residua superiore ad un anno.

Rinegoziazione : E’ la possibilità data ai mutuatari di trattare nuovamente le condizioni dei vecchi mutui gravati da tassi eccessivamente elevati. Secondo l’accordo siglato in sede ABI tra le associazioni dei consumatori ed alcuni Istituti di Credito, i vecchi mutui potranno essere rinegoziati, tramite una lettera di scambio tra mutuatario e Istituto di Credito, alle migliori condizioni di mercato vigenti a tasso variabile o fisso con durata corrispondente alla vita residua del mutuo oggetto di rinegoziazione. Nel caso d’estinzione anticipata del vecchio mutuo è previsto un abbattimento del 50% dell’indennizzo contrattuale, con un massimo dell’1% sul capitale residuo, l’eliminazione delle spese di cancellazione dell’ipoteca e dei diritti di conteggio. Nel caso di contestuale accensione di un nuovo mutuo le spese d’istruttoria dovranno essere contenute entro il limite di 350.000 mila lire, compresa l’eventuale perizia, l’imposta sostitutiva non dovrà superare lo 0.25% sull’importo erogato, nel caso d’estinzione anticipata e accensione di un nuovo mutuo è necessario l’atto notarile.

Rogito : E’ l’atto conclusivo del mutuo, si stipula dal Notaio.

Spese d’Istruttoria : Prima di erogare un mutuo, l’Istituto di Credito svolge un’attenta analisi del profilo reddituale del mutuatario nonché una valutazione economica del bene materiale fornito in garanzia. Per eseguire questi compiti, l’Istituto di Credito sostiene delle spese, la remunerazione del perito che valuta l’immobile su cui viene iscritta l’ipoteca, che generalmente vengono forfettariamente determinate in misura percentuale rispetto al finanziamento erogato, tali spese comprendono di norma anche il premio assicurativo sul bene dato in garanzia, ai fini di garantire il suo valore anche in caso d’eventi che possano decurtarlo o azzerarlo, esempio, distruzione da incendio, terremoto, non è raro che, oltre all’assicurazione del bene dato in garanzia, le spese d’istruttoria coprano anche l’assicurazione del mutuatario, in casi di perdita della capacità di lavoro o morte.

Spese di Rinegoziazione : Sono tali le spese che derivano dall’esecuzione di un acconto di rinegoziazione di un mutuo diventato particolarmente oneroso perché, per esempio, originariamente contratto a tassi d’interessi molto elevati rispetto ai livelli prevalenti in un determinato periodo. La questione si è posta con particolare urgenza in Italia nell’ultimo anno, a causa del forte ribasso dei tassi d’interessi dovuto alla partecipazione del nostro paese all’Unione Monetaria, tali spese comprendono, di norma, il pagamento di penali per l’estinzione ovvero la modifica del contratto originario, spese notarili per l’esecuzione del nuovo contratto ovvero la modifica del vecchio, spese di nuova istruttoria, spese di cancellazione e iscrizione d’ipoteca nel caso in cui il prestito sia accompagnato da questa forma di garanzia, e altre spese generali connesse al contratto. Un accordo nel giugno 1998, stipulato fra un gruppo d’Istituto di Credito e sette associazioni dei consumatori, ha stabilito tuttavia procedure di rinegoziazione dei tassi d’interesse più rapide e meno onerose per i clienti. In particolare nell’ambito di tale accordo si stabilisce che siano significativamente ridotte le penalità, anche ad un terzo dell’importo originariamente stabilito. La convenienza alla rinegoziazione dipenderà tuttavia da caso a caso. L’accordo nulla stabilisce tuttavia in merito ad un eventuale obbligo dell’Istituto di Credito mutuante a concedere la rinegoziazione ovvero ad un diritto del cliente a pretenderla, lasciando libere le parti, rispettivamente di concederla e di richiederla. Un decreto legge che verrà recepito nel collegamento della Finanziaria 1999, stabilisce infine che la deduzione dei tassi d’interesse per i mutui contratti per l’acquisto della prima casa si estenda nella stessa misura anche ai contratti di mutuo rinegoziati.

Subingresso : E’ il subentro nella proprietà, nel possesso o nel godimento dell’immobile ipotecato. Colui che a vario titolo, acquisto, eredità, donazione, dovesse subentrare ha l’obbligo di trasmettere all’Istituto di Credito copia dell’atto dove deve risultare anche la personale assunzione del mutuo esistente.

Spread : E’ la maggiorazione che l’Istituto di Credito addebita oltre al tasso d’interesse calcolato sul parametro di riferimento. La maggiorazione oscilla di solito tra l’1% e il 2% su base annua.

T

Tasso d’Interesse : E’ la misura espressa in termini percentuali degli interessi pagati o percepiti in un determinato periodo di tempo, di norma coincidente con l’anno, su un capitale preso o dato in prestito. Il tasso d’interesse può essere semplice o composto :

  • Semplice : si applica esclusivamente sul capitale prestato.

  • Composto : si applica anche sugli interessi maturati, ma non ripagati,

Nei mutui a tasso variabile, talora si può distinguere fra tasso d’ingresso e tasso a regime, può capitare tuttavia, che essi coincidano. Il tasso d’ingresso è quello applicato nella primissima fase del mutuo, ossia prima del pagamento della prima rata, per questa ragione può essere anche definito tasso di pre ammortamento. Di norma, questo tasso si applica nelle prime due o quattro semestralità. Un’altra importante definizione va operata fra tasso annuale nominale TAN e tasso annuo effettivo Globale TAEG. Il primo esprime esclusivamente la misura degli interessi dovuti su un mutuo, il secondo esprime in termini di tasso d’interesse annuo l'intera spesa che il mutuatario sosterrà in dipendenza del mutuo, comprensiva pertanto non solo degli interessi, ma anche di tutti gli altri oneri che gravano sul prestito.

Tasso Fisso : E’ il tasso che rimane costante per tutta la durata del mutuo. E’ stabilito a discrezione dell’Istituto di Credito che eroga il mutuo sulla base degli andamenti dei tassi correnti al momento della stipula del contratto. Di solito è calcolato sul parametro IRS.

Tasso Variabile : E’ il tasso indicizzato, ovvero quello che muta quando varia il parametro a cui è stato legato. Le oscillazioni dipendono dall’andamento degli indicatori economici e dalle fluttuazioni del costo del denaro.

Tasso Misto : E’ la nuova formula, un compromesso fra il tasso fisso ed il tasso variabile. Nel mutuo a tasso misto alcuni Istituti di Credito prevedono l’applicazione del tasso fisso per un periodo iniziale, di solito da un anno a cinque anni, dando la facoltà al mutuatario di optare per il tasso fisso o variabile per il periodo successivo, o viceversa, iniziare con il variabile per passare al tasso fisso. Altri Istituti di Credito propongono invece subito, e per tutta la durata del mutuo, l’applicazione del tasso fisso sul 50% del mutuo e l’applicazione del tasso variabile sull’altro 50%.

Tan : E’ il tasso annuo nominale d’interesse al quale viene concesso il prestito.

Taeg : E’ il tasso annuo globale che comprende anche l’incidenza delle spese e dei costi relativi al finanziamento.

Tasso d’Ingresso : E’ il tasso applicato per un primo periodo, di solito assai breve, nel caso dei finanziamenti a tasso variabile.

Tasso a Regime : E’ il tasso variabile effettivamente applicato per ciascuna rata dell’ammortamento, calcolato sulla base del parametro d’indicizzazione con l’aggiunto dello spread che ciascun Istituto di Credito fissa con il cliente.

Tus : E’ il tasso ufficiale di sconto. E’ rappresenta il costo del denaro per gli Istituti di Credito che si rifinanziano presso la Banca d’Italia, è pubblicato sui giornali economici e le sue variazioni sono comunicate da tutti i quotidiani.

V

Valuta : Divisa in cui viene nominato un qualsiasi valore monetario. Tra le divise valute, spiccano quelle dette forti, ossia quelle divise privilegiate dagli investitori per il regolamento delle transazioni realizzate e dalle Banche Centrali per la costituzione di riserve ufficiali. Attualmente i tassi sono abbastanza convenienti rispetto agli anni passati, ma non sempre allineati tra i vari Istituti di Credito. Si possono riscontrare, infatti, differenze significative. Prima di decidere conviene quindi effettuare un confronto dell’offerta, tenendo presente che il tasso varia anche in funzione della natura dell’immobile che si acquista, infatti la maggior parte dei vari Istituti di Credito prevede agevolazioni per la prima casa. In un ottica di trasparenza e per aver un costante controllo sulle variazioni del tasso e l’importo delle rate, conviene optare per un mutuo che preveda un unico parametro di riferimento, rilevabile dai giornali economici e facilmente calcolabile. Sono da evitare i doppi parametri che non consentono calcolo e controlli rapidi.

Finanziaria Milanese S.r.l. – Soc. Mediazione Creditizia Isc. U.I.C. n. 8330
Via G. da Udine, 34 - 20156 Milano
Tel. 0238093588 - Fax 0238093589
E-mail: info@creditipersonali.it